Crossing the channel - la preparazione, l’attesa, la partenza

July 2, 2010

la preparazione:

 

siamo in 4 dall’italia dopo aver sognato per mesi qusta piccola avventura.

Michela, Luisa e Bruno hanno accettato la scommessa.

Aereo da Bergamo con il portafortuna procurato da Michela: la pentola a pressione, rigorosamente bagaglio a mano.

 

Ottimo viaggio, un paio di colazioni all’inglese, un po’ di verifiche e siamo pronti ad alare Gudgeon, che durante l’inverno riposa a terra.

 

 

Ultimo acquisto: tender e relativo piccolo fuoribordo.

Test in acqua di  Michela e Bruno con prova di pesca: tornano soddisfatti del tender ma senza prede.

Sorpresa piacevole: all'interno del marina vediamo una foca che gironzola indisturbata, non faccio in tempo a fare la foto ....

 

l'attesa:

Venerdì mattina siamo pronti … per sentirci dire che il motore del travellift è rotto e che si riparerà lunedì.

Tre giorni a terra non previsti, speriamo che non ci siano altri intoppi.

Scorrazziamo in città, l’inattività rende nervosi e per scaricarsi andiamo a mangiare …

Pensiamo alla cambusa e visto che il tratto non è molto lungo ci concentriamo sulle risorse alcoliche che si possono riassumere in birra rossa e Plymouth gin (non è pubblictà ;-)) 

Si prende anche sole in coperta: approfitta di quello che viene.

Il forte, le fortificazioni, la fabbrica di gin, il giardino di pietra, il centro commerciale, la biblioteca, l’acquario, il ponte girevole, i moli e le taverne.

Qualcuno comincia a brontolare, ho pochi giorni di ferie … come facciamo?

 

la partenza: 

Finalmente lunedì: a metà pomeriggio possiamo “scendere” Gudgeon in acqua e, naturalmente, dobbiamo stare fermi per un paio d’ore aspettando che la marea salga quello tanto che ci permetta di uscire.

 

Le previsioni meteo sono buone, il vento è girato stamattina e adesso viene da Nord.

Aspettiamo domani mattina o partiamo adesso?

Abbiamo tutto pronto.

La lunga permanenza a secco ci fa decidere … partiamo, sono le 7 di pomeriggio.

Un po’ di emozione, la serata è meravigliosa.

Dopo un’oretta il vento comincia a salire e prendiamo due mani di terzaroli dopo aver ridotto il fiocco. In pozzetto si prepara la malefica insalata di patate per cena.

 

 

Tags:

Please reload

Featured Posts

Il frigorifero dopo 4 mesi.

May 27, 2016

1/2
Please reload

Recent Posts

September 18, 2019

September 24, 2018

August 11, 2016

August 2, 2016

Please reload

Search By Tags
Please reload

Archive
Please reload

"IL MIGLIOR MODO DI VIVERE E DI VIAGGIARE!"

La mia storia LaLa

Un sogno nel cassetto da anni, coltivato e nutrito incessantemente. Le prime uscite al Garda (1993); l'Adriatico con Trieste, l'Istria,  il Quarnaro, le Incoronate (1995/2000); il Tirreno, con  Sardegna (2003),  Isola d'Elba, Capraia, Corsica, (Settimana Azzurra 2004/2007); Plymouth (2008/09), La Manica e Brest (2010), Bretagna 2011, Golfo di Biscaglia (da La Rochelle a Santander 2012);   Galizia, Isla de Cies, Vigo, Porto 2013.

2014 costeggiato, andata e ritorno, tutto il Portogallo.

La mia visione

Il piacere di navigare, scoprire e vedere il mondo dall'acqua.

Un tuffo nel passato ed un salto nel futuro. Condividere emozioni attraverso la vela, la storia, la natura, la fotografia e la cucina.

Non voglio essere un fornitore di servizi ma  un "host" che presenta mondi appena scoperti  a persone che condividono interessi e ritmi, senza lo stress del turista, con l'occhio del viaggiatore.

 © 2016 by Vannidimare. Proudly created by vanni